Anatocismo, Usura Bancaria, Analisi econometriche

Cari Comuni, l’acqua pubblica è Proibita : ordine delle Banche

Dalla Toscana alla Calabria i creditori che bloccano le scelte dei sindaci. Cari Comuni, l’acqua pubblica è Proibita : ordine delle Banche
Cari Comuni, l'acqua pubblica è Proibita : ordine delle Banche

Cari Comuni, l’acqua pubblica è Proibita : ordine delle Banche

Cari Comuni, l’acqua pubblica è Proibita : ordine delle Banche

Dalla Toscana alla Calabria i creditori che bloccano le scelte dei sindaci. Cari Comuni, l’acqua pubblica è Proibita : ordine delle Banche

Anatocismo, Usura Bancaria,Anomalie bancarie

leggi su il fattoquotidiano.it

“Diritto all’acqua”    tratto da Wikipedia

Il diritto all’acqua risulta quale estensione del diritto alla vita affermato dalla Dichiarazione universale dei diritti umani. Esso riflette l’imprescindibilità di questa risorsa relativamente alla vita umana.

« “È ormai tempo di considerare l’accesso all’acqua potabile e ai servizi sanitari nel novero dei diritti umani, definito come il diritto uguale per tutti, senza discriminazioni, all’accesso ad una sufficiente quantità di acqua potabile per uso personale e domestico – per bere, lavarsi, lavare i vestiti, cucinare e pulire se stessi e la casa – allo scopo di migliorare la qualità della vita e la salute.

Gli Stati nazionali dovrebbero dare priorità all’uso personale e domestico dell’acqua al di sopra di ogni altro uso e dovrebbero fare i passi necessari per assicurare che questo quantità sufficiente di acqua sia di buona qualità, accessibile economicamente a tutti e che ciascuno la possa raccogliere ad una distanza ragionevole dalla propria casa.[1] »

Cari Comuni, l’acqua pubblica è Proibita : ordine delle Banche

La risoluzione ONU del 28 luglio 2010 dichiara per la prima volta nella storia il diritto all’acqua “un diritto umano universale e fondamentale”.[2]

La risoluzione sottolinea ripetutamente che l’acqua potabile e per uso igienico, oltre ad essere un diritto di ogni uomo, più degli altri diritti umani, concerne la dignità della persona, è essenziale al pieno godimento della vita, è fondamentale per tutti gli altri diritti umani.[3]

La risoluzione non è vincolante, ovvero afferma un principio che ancora raccomanda (non obbliga) gli Stati ad attuare iniziative per garantire a tutti un’acqua potabile di qualità, accessibile, a prezzi economici.

È stata approvata dall’Assemblea generale con 122 voti favorevoli, 41 astensioni e nessun contrario. Altri documenti dell’ONU avevano affermato il diritto all’acqua come diritto di alcune categorie di persone (minorenni, disabili), mai come diritto universale.

Please follow and like us:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *