Anatocismo, Usura Bancaria, Analisi econometriche

Confedercontribuenti: «usura in banca, alla sbarra tre direttori»

è andata in scena al tribunale penale di Padova, la terza udienza del processo per usura in banca per due banche. Alla sbarra tre direttori di filiale accusati di questo odioso reato. Nereo Stivanello e Claudio Gemo per la Cassa di Risparmio del Veneto gruppo Intesa Sanpaolo e Massimo Sabbadin per la Banca di Credito Cooperativo dei Colli Euganei di Lozzo Atestino. Confedercontribuenti: «usura in banca, alla sbarra tre direttori»

Confedercontribuenti: «usura in banca, alla sbarra tre direttori»

Confedercontribuenti: «usura in banca, alla sbarra tre direttori»

Confedercontribuenti: «usura in banca, alla sbarra tre direttori»

Anatocismo, Usura Bancaria,Anomalie bancarie

 

Caro direttore,

è andata in scena al tribunale penale di Padova, la terza udienza del processo per usura in banca per due banche. Alla sbarra tre direttori di filiale accusati di questo odioso reato.

Nereo Stivanello e Claudio Gemo per la Cassa di Risparmio del Veneto gruppo Intesa Sanpaolo e Massimo Sabbadin per la Banca di Credito Cooperativo dei Colli Euganei di Lozzo Atestino già condannata in sede civile per usura con sentenza passata in giudicato per avere superato il tasso soglia massimo previsto dalla legge per 18 trimestri su 18, con tasso massimo effettivo e globale applicato del 58.98%.

Molti non sanno che l’usura si calcola come dice l’articolo 644 del Codice Penale:”Per la determinazione del tasso di interesse usurario si tiene conto delle commissioni remunerazioni a qualsiasi titolo e le spese…” (anche l’assicurazione quando è obbligatoria) e questo determina spessissimo per tutte le banche, il superamento del tasso soglia, almeno nell’80% dei casi esaminati da Confedercontribuneti Veneto.

Il problema é che sono pochi i tribunali civili e penali, tra i quali quello di Padova, che applicano questa semplice formula, in quanto applicano circolari fuorvianti della Banca d’Italia che noi accusiamo di concorso in usura.

Si possono contestare quindi quasi tutti i crediti deteriorati NPL e recuperare centinaia di miliardi di euro già versati illecitamente, specialmente per importi medio-bassi, in particolare della Banca Popolare di Verona.

Inoltre ci sono milioni di mutui contestabili per vari vizi e usura contrattuale e sopravvenuta. L’italia sta per diventare un enorme recupero crediti, molto spesso non dovuti. Dobbiamo organizzare un fronte anti bancario che sta per cedere qualcosa come 190 miliardi di euro di crediti spese farlocchi, che verranno garantiti dallo Stato attraverso i GACS.

Il governo Gentiloni-Baretta-Padoan si sta assumendo una gravissima responsabilità nei confronti del popolo italiano che perderà le proprietà immobiliari e anche l’abitazione principale per debiti non dovuti o non lecitamente pattuiti.

Dobbiamo mobilitarci affinché il sistema non crolli e si debba affrontare una massa di suicidi, come quello del povero “martire” Giovanni Schiavon che si è sparato un colpo di pistola alla tempia per debiti e poi è risultato che le due importanti banche padovane che lo assillavano affinché rientrasse e coprisse circa 100 mila euro, non erano loro creditrici ma debitrici per circa 200 mila.

Ciò si spiega in quanto a sua insaputa venivano applicate spese e commissioni non dovute o non lecitamente pattuite, anatocismo bancario e usura sistematica in quasi tutti i trimestri. È nostro preciso dovere mobilitarci affinchè drammi come questo non abbiano a ripetersi.

fonte : vvox.it

Alfredo Belluco
presidente Veneto e vicepresidente nazionale Confedercontribuenti

Please follow and like us:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *