Anatocismo, Usura Bancaria, Analisi econometriche

Putin: “Più soldi agli operai e meno alle BANCHE”. Ecco il piano per uscire dalla crisi.

Putin: “Più soldi agli operai e meno alle BANCHE”. Ecco il piano per uscire dalla crisi.Ancora dichiarazioni shock da parte del presidente russo Vladimir Putin. °
Putin

Putin

Putin: “Più soldi agli operai e meno alle BANCHE”. Ecco il piano per uscire dalla crisi.

°Durante una conferenza stampa, tenuta ieri al Cremlino, ha detto:“Basta dare soldi alle banche, ora è tempo di rimettere in moto l’economia di tutto il mondo. Darò soldi al ceto medio e al ceto basso: operai, piccoli imprenditori, contadini, tutte queste categorie sociali hanno bisogno di un forte sostegno da parte dello Stato.
Solo in questo modo la crisi potrà essere sconfitta e la Russia potrà ricominciare a correre come in passato”.Le sue parole sono state appoggiate da molti economisti e teorici del pensiero marxista-anticapitalista, come Alvaro Porfido, studioso italiano, che ha detto: “Il presidente Putin rappresenta, ora, il vero ago della bilancia su questo scacchiere internazionale sempre più devastato da crisi e enormi conflitti.
La sua è una dichiarazione di autorità della politica che, in tempi come questi, non trova più spazio di estrinsecazione, vedendosi, di fatto schiacciata e annullata dal potere economico-bancario, su tutti i fronti. Spero che il suo monito venga seguito a ruota da tutti gli altri Paesi occidentali, ma ne dubito fortemente.
La Russia, in ogni caso, per quanto riguarda progresso e sviluppo economico e ridistribuzione dei beni primari, si dimostra sempre all’avanguardia e in prima linea su tutto”.
Ancora nessuna dichiarazione da parte degli altri premier occidentali. Chissà che l’esempio di Putin possa essere seguito o scansato. Nessuno ha ricette precostituite per i tempi che ci troviamo ad affrontare, di sicuro, la ricetta russa pare quella più coraggiosa e interessante. Staremo a vedere
fonte : siamorimastisoli
Please follow and like us:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *