Anatocismo, Usura Bancaria, Analisi econometriche

Suicidio Maschio, il testamento disperato in 25 punti: «Siamo senza soldi»

L’imprenditore ha lasciato un minuzioso promemoria, elencando debiti e pendenze L’ultimo sms della compagna: «Amore, insieme vinceremo»


di Lino Lava

PADOVA – «Siamo sensa soldi in banca, sono disperato cosa posso fare». La scritta, con l’errore del dialetto, è in stampatello sul foglio con i marchi “Maschio”, “Gaspardo” e la frase “Insieme si vince”. Queste parole chiudono i venticinque punti, tutti numerati, scritti da Egidio Maschio prima di uccidersi la mattina del 24 giugno. Sono i “macigni” che lo opprimevano e per i quali il grande imprenditore 73enne si è tolto la vita con una fucilata nel suo ufficio nello stabilimento di Cadoneghe, alle porte di Padova.

I cinque fogli sono stati trovati sulla scrivania, vicino al suo corpo. Li ha scritti prima di morire.
Con un pennarello nero e in stampatello ha elencato tutte le situazioni che stavano mettendo in crisi il suo gruppo industriale, creato nel 1964 assieme al fratello Giorgio nella stalla di casa, a Campodarsego, con una saldatrice. Da giorni diceva sottovoce alla sua segretaria: «Ci sono estranei a casa nostra». Si riferiva alle nomine dell’amministratore delegato e del direttore finanziario. I due nuovi entrati nel gruppo li nomina anche nei venticinque punti. È una ricostruzione precisa, appassionata pur nell’aridità dei numeri. È il testamento dell’imprenditore

Anatocismo, Usura Bancaria,Anomalie bancarie

fonte: ilgazzettino

www.usurainbanca.it
Please follow and like us:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *